Privacy and Cookies


Armento
I Paesi

Armento

ArmentoArmento fin dall’antichità fu luogo di notevole importanza. Il moderno abitato sorge sul luogo dell’antica Galasa, città dei tempi di Troia, di cui scarsissime sono le notizie. Più consistente è la documentazione del periodo magnogreco, Armento sarà influenzata indirettamente dalle vicine colonie greche, notevoli sono i reperti oggi custoditi nei più grandi musei d’Europa, Monaco di Baviera, Napoli, Londra, Potenza e Policoro.

A testimonianza dell’importanza di Armento durante la colonizzazione greca, sono i ritrovamenti di alcuni vasi di ceramica del VII-IV sec. a.C., e altri oggetti in bronzo, in rame, in oro e argento, scoperti in località Serra Lustrante, in particolare si fa riferimento alla corona aurea detta di Critonio, conservata al museo di Monaco di Baviera. Del periodo romano è il presunto Palazzo del console Terenzio Lucano, reduce da Cartagine, venne a risiedere nella località Casale e le sue rovine sono tuttora visibili.

Armento ha ospitato anche i due asceti San Luca e San Vitale, testimonianze del loro passaggio sono la cappella dedicata a San Vitale del 1040 in cui sono conservati affreschi raffiguranti episodi della vita del santo e la chiesa di San Luca che conserva i resti di un antico monastero. Divenne con Montemurro feudo della sede episcopale di Tricarico. Nell'Ottocento seguì le vicende dei moti carbonari prima, e dell'insurrezione lucana poi, passando al Regno d'Italia.

Eventi & News