Privacy and Cookies


Enogastronomia
Approfondimenti
Itinerari gps
I Paesi

Il Fagiolo di Sarconi

Alla scoperta del Fagiolo di Sarconi

"Protagonista" di questo meraviglioso "viaggio" del gusto è il fagiolo, prezioso legume legato all'antica civiltà contadina della Val d'Agri. Il primo fagiolo del Sud certificato con marchio Igp (Indicazione Geografica Protetta).

Il nostro itinerario, alla scoperta di questo pregiato e per molti "magico" legume, inizia proprio dalla patria del rinomato fagiolo Igp, Sarconi.

Abbandonando la Fondovalle dell'Agri (SS.598), si prende la strada provinciale per raggiungere il paese.

Dopo una breve visita al centro storico, ci si incammina verso un luogo tranquillo e sereno, circondato dall'armonia dello scenario della valle circostante, dove sorge l'antica Azienda agricola di "Domenico Belisario" , coltivatore e produttore di fagioli, la "sua è un'arte unita ad una straordinaria passione, capace di coinvolgere l'intera famiglia". L'azienda si estende lungo il percorso del fiume Sciaura, "benedetto per la qualità delle acque di portata costante, acque fresche e poco calcaree, necessarie per le culture più pregiate". Qui il turista può effettuare una visita all'interno della struttura ed entrare in "contatto" con la cultura della "ricerca puntigliosa ed amorevole degli ecotipi più pregiati di fagioli come i "fasuli risi, tovagliedde, rampicanti, verdoni, russi, ciuoti, tabacchino, munachedda....", variegati e di tutti i gusti. A fare la differenza, "la tenerezza del prodotto, che li rende particolarmente appetibili e digeribili, la rapidità di cottura, che nel prodotto fresco allo stato ceroso è poco rilevante, mentre diventa evidente e caratterizzante nel prodotto secco, la particolare sapidità conferita dai metodi tradizionali di coltivazione, dal clima, dai terreni, dalle acque, dal rispetto del disciplinare di produzione".

Salutata l'azienda Belisario, l'itinerario prosegue, sempre nel territorio di Sarconi, ma questa volta la tappa meritata è al "Fagiolo D'Oro", azienda agrituristica situata in contrada Cava. Oltre a pernottare – in questo caso è obbligatoria la prenotazione - il turista-viaggiatore può gustare la famosa "zuppa di fagioli", apprendere antiche ricette legate al fagiolo, rivisitate con fantasia dagli chef locali e può anche decidere di "tuffarsi" nell'ambiente naturale circostante con lunghe passeggiate alla scoperta di "luoghi magici" di rara bellezza.

Terminata la sosta, proseguiamo il nostro "viaggio" alla ricerca dei segreti e delle prelibatezze del fagiolo, toccando questa volta, un altro angolo di paradiso, immerso tra verdi colline, colori e magici silenzi, l'azienda agrituristica "Per Boschi e Contrade". Con un giro all'interno della struttura, il viaggiatore avrà l'occasione sia di "scoprire" nuovi "mondi" legati alle attività produttiva del legume e sia del laboratorio di confetture, degustando una novità assoluta nel panorama gastronomico, "Fasoldò", nata sfruttando la "tradizione culturale di Sarconi e l'unicità del suo fagiolo, ovvero "una crema dolce di fagioli, disponibile anche ai gusti di mandorle e nocciole, che non solo può accompagnare le colazioni, ma può essere presente anche nei pranzi, accanto a ricotte e formaggi freschi, ovini e caprini".

Dopo la tappa golosa, proseguiamo – SP 25 Bis - per Villa d'Agri, frazione del comune di Marsicovetere. A pochi chilometri dal centro, prendendo le strade interpoderali, arriviamo nella località di Barriccelle, dove adagiato su una collina ai piedi di un bosco di querce, troviamo "Il Querceto. La Terra di Nancy", la prima azienda agrituristica bio ecologica in Basilicata. Il luogo ideale per un soggiorno all'insegna dell'ecologia e per la scoperta di un nuovo stile di vita. Nell'azienda, dove si può pernottare e mangiare i prodotti della terra, non solo i fagioli, il turista avrà l'opportunità di conoscere l'antica tecnica di lavorazione del pane.

Abbandoniamo la "Terra di Nancy", riprendendo la SS 598, arriviamo a Paterno, la "Terra dei Padri" in contrada Lagarone, dove troviamo un'altra struttura bio, produttrice di fagioli, l'azienda di Lauria Maria. Come per le altre aziende, anche qui il turista oltre ad aver l'opportunità di assaporare i prodotti tipici del posto, può apprendere e conoscere le tecniche di produzione dei prodotti e acquistare un pregiato miele locale, prodotto artigianalmente.